La tua finestra è antintrusione? Scoprilo con un semplice test


La mia finestra è antintrusione? E’ una domanda che dovreste porvi. Anche perché i furti in appartamento rappresentano una realtà con cui avere a che fare, un rischio tutt’altro che peregrino a prescindere dalla zona: centro, periferia, campagna… fa poca differenza.

In questo articolo approfondiremo l’argomento, fornendo qualche indicazione per verificare in prima persona la capacità dei serramenti di scongiurare i tentativi di intrusione e offrendo consigli utili nel caso in cui la verifica desse esito negativo.

finestra blindata

 

L’importanza delle finestre antintrusione

In linea di massima, è intuitiva la ragione per cui una finestra antintrusione è preferibile a una finestra che non vanta questa caratteristica. D’altronde, a nessuno piace correre il rischio di subire una violazione di domicilio (evento traumatico a prescindere dalle conseguenze concrete).

Tuttavia, la realtà va oltre l’immaginario collettivo. Il rischio intrusione causato dalle finestre è più elevato di quanto si possa pensare. Lo dimostrano alcuni dati.

Il 50% delle finestre attualmente installate in Italia non è antintrusione. Quindi è probabile che una delle vostre finestre rientri in questa categoria.

L’80% delle violazioni di domicilio avviene per mezzo delle finestre. I ladri, dunque, prediligono di gran lunga violare una finestra che scassinare una porta.

In media, se la finestra è veramente scarsa, sono sufficienti dieci secondi per scardinarla. Il tutto nella quasi totale assenza di rumore.

Alla luce di questi dati, che restituiscono al problema la sua giusta dimensione, è evidente come le finestre antrintrusione rappresentino un requisito essenziale per vivere un’esperienza abitativa tranquilla e scevra – per quanto possibile – di preoccupazioni.

Come capire se la vostra finestra è a prova di intrusione

Per fortuna, esiste un metodo molto rapido per verificare se una finestra è antrintrusione, quindi a prova di ladro. Questo metodo è promosso da Finstral, uno dei migliori produttori italiani di finestre, che su richiesta spedisce un comodo kit per verificare questa a altre proprietà (tenuta, isolamento termoacustico etc.).

Ad ogni modo, il metodo, che è un vero e proprio test, prevede l’impiego di un pezzo di carta dotato di nottolino a fungo. L’esecuzione del test è davvero semplice: è sufficiente confrontare il nottolino con gli scontri di chiusura e con i nottolini del serramento. Questa banale operazione può dare tre esiti.

Il nottolino non incontra alcuna resistenza. Avete un problema. La vostra finestra non è affatto a prova di intrusione. Anzi, potrebbe essere scardinata in una decina di secondi.

Il nottolino incontra due resistenze. La finestra è abbastanza sicura. Come minimo, rispetta gli standard di base. Scardinarla non è facile.

Il nottolino incontra più di due resistenze. La finestra è molto sicura. Scardinarla, a meno di non fare molto rumore e metterci parecchio tempo, è impossibile. Potete dormire sonni tranquilli.

test nottolino finstral

 

Cosa fare se le finestre non sono antintrusione

Se il test ha dato esito negativo, dovete correre ai ripari. Il consiglio, piuttosto che agire sulla finestra esistente, è procedere con una sostituzione.

Da questo punto di vista, la proposta attuale, almeno in Italia, si attesta su ottimi livelli.

Tra i brand più affidabili spicca proprio Finstral, la cui offerta di finestre antintrusione (ma anche isolanti termo-acusticamente) coniuga funzionalità e design. Date un’occhiata al catalogo online di Finstral o visitate i due showroom romani di Allart, che ne ospitano i prodotti.

Altre verifiche possibili sulle finestre

Nei precedenti articoli abbiamo illustrato la possibilità di verificare lo stato delle proprie finestre per quel che riguarda l’isolamento acustico e termico e la tenuta delle finestre agli spifferi. Il kit proposto da Finstral per eseguire questi test è disponibile gratuitamente nei nostri shworoom, vi invitiamo a contattarci e a venirci a trovare per parlare con i nostri esperti.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail